Chi siamo - Rocco e mirtillo consigliano

Vai ai contenuti

Chi siamo

La famiglia
CHI SIAMO. Rocco: Mirtillo caro, dove sei, che stai facendo? Mirtillo: ciao sorellina. Non so perché, ma qualcosa mi diceva che saresti arrivata. Rocco: cosa te lo faceva pensare? Mirtillo: non lo so di preciso. Ma stavo vedendo il papi che scriveva al computer, in un certo modo, così ho capito, che forse era abbastanza arrabbiato. Rocco: hai ragione, volevo chiedertelo, se avevi notato qualcosa di strano verso il papi. Ovviamente non serve più domandartelo, in quanto mi avevi risposto. Mirtillo: ma perchè il papi sta scrivendo in questo modo, mi devo preoccupare? Rocco: stai sereno, è tutto ok. Il papi sta scrivendo un articolo interessante sulla famiglia, in generale, per questo hya molti spunti particolari, che certamente eviterà di inserire. Sai, non tutto quello che si pensa si può riportare online. Chissà, qualcuno si potrebbe offendere. Impara che la verità, ti fa allontanare dall'essere umano. Mirtillo: meglio così, che ci sono alcuni di loro, che sono veramente antipatici. Rocco: comunque il papi ha scritto tante verità... ci risentiamo ok fratellino? Mirtillo: ok cara sorellina, a presto! Ovviamente adesso, chi mi leggerà quello che ha scritto il papi? Sono arrabbiato!

Vogliamo parlare della famiglia? Ok parliamone! La famiglia, per quello che penso io, è il punto fondamentale di una società che si rispetti. La famiglia di oggi, è quella che sentiamo spesso in tv, ma non per aver creato qualcosa di buono, ma solo perché ci sono stati uccisioni e omicidi. Perché tutto ciò? Il motivo è semplicissimo, perché le brutte cose fanno odiens, in concreto rende il telegiornale più seguito, che tristezza vero? Hai perfettamente ragione! Perché succede tutto questo? Perchè questa società è cambiata così radicalmente? Una risposta, seconto il mio modesto parere, che si lavora sempre e troppo, tutti i giorni, specialmente coloro, padri o madri di famiglia, che lavorano nei supermercati, che sono sempre aperti, addirittura anche la domenica. Per questo mi chiedo: come fa al giorno d'oggi, una famiglia a stare unita, quando neanche la domenica è possibile? Come possiamo pretendere che i figli seguono i genitori, quando molti di essi, escono la mattina e ritornano la sera? Come possiamo pretendere dai propri figli un comportamento diverso, quando molti di loro passano le giornate dai nonni, visto che entrambi i genitori sono fuori per lavoro, molti anche fino a tarda sera? Ovviamente, non ho nulla contro i nonni... che belli i nonni. Come sarebbe bello rivederli di nuovo i nonni, anche per un solo abbraccio! Di chi la colpa? Certamente anche del cliente, che va a fare la spesa la domenica, se nessuno andrebbe, credo che le cose cambierebbero. La famiglia, solo una bella parola, buttata li, è basta. Tutti se ne fregano, specialmente lo stesso stato, che governo dopo governo hanno voluto tutto questo sfacelo. Sento molte coppie litigare, sia in auto che per strada, questo è molto triste. Penso che stare insieme, significa vivere la vita e superare le difficoltà, che giorno dopo giorno spesso arrivano. Stare insieme significa, vivere gioia e dolori con il sorriso e insieme cercare di trovare le giuste soluzioni. Stare insieme, per chi ha avuto la fortuna di avere un figlio o più di uno, cercare di educare al meglio il figlio, con i giusti principi morali e materiali. Non sono un genitore, ma sono stato figlio. Con mia grande sicurezza, posso affermare che è stato molto meglio, l'educazione dei nostri genitori, che l'educazione di oggi, in quanto,i figli comandano e i genitori eseguono, sempre si, difficilmente mi è capitato di sentire un no secco. Purtroppo, le nuove generazioni, non hanno voglia di fare sacrifici e di restare uniti nel male e nel bene, specialmente si dovrebbe fare, quando c'è di mezzo un figlio. Oggi, si vuole essere liberi, fare tutto ciò che ci piace, andare dove vogliamo, divertirci e ridere a più non posso. Che tristezza, quando sento che quella coppia è separata. I genitori, non fanno nulla per stare insieme, anche quando ci sono i figli da crescere. Molti sono egoisti, importante che io mi diverto, vado a ballare, al cinema o con gli amici. Facile dare colpa hai figli, quando questi, sono sempre attaccati a quel maledetto computer. Che colpa hanno loro? I figli soffrono tantissimo, soffrono le pene dell'inferno quando i genitori decidono il peggio, cioè quello di divorziare. Ovviamente per i figli è un colpo al cuore. La famiglia, dovrebbe essere sempre unita, non solo per le grandi feste o compleanni vari. La famiglia dovrebbe avere l'inopportunità di vivere di più insieme, di uscire insieme, e di tornare anche a fare le scampagnate insieme, così facendo, il risultato sarebbe diverso, sotto ogni punto di vista. Per questo, auguro di cuore, a tutte le famiglie, di condividere insieme, la propria vita, con tante gioie per tutti.
Per ora è tutto. Se hai trovato utile questo articolo ti invito a condividerlo o a linkarlo. Per informazioni o suggerimenti, puoi contattarci tramite form, che trovi alla fine della pagina "Rocco e Mirtillo". Non ci resta che salutarci.
A presto!
Torna ai contenuti